Archivio dell'autore: paxy

Le livre d’image

Le livre d’image (2018) – Jean-Luc Godard / Francia Quelle di JLG sono opere che riflettono il presente, congeniali ad esso e capaci in particolar modo di assortire le impronte smarrite alle sue spalle nella memoria storica. Di ciò si … Continua a leggere

Pubblicato in Avant-garde | Contrassegnato , | 1 commento

Classifiche #6 – Top 20 Migliori Film del 2018

Le Livre D’Image – Jean-Luc Godard Hotel by the River – Hong Sang-soo My Brother’s Name is Robert and He’s an Idiot – Philip Gröning An Elephant Sitting Still – Hu Bo Vision – Naomi Kawase Dead Souls – Wang … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

Cinema sperimentale – Moderni

↑vai alla prima parte↑ Jean-Claude Rousseau (1950-) LA VALLE CHIUSA; LES ANTIQUITÉS DE ROME; KEEP IN TOUCH; DE SON APPARTEMENT Jürgen Reble (1956-) THE GOLDEN GATE; PASSION; UNSTABLE MATERIALS Philippe Grandrieux (1954-) MEURTRIÈRE; MALGRE LA NUIT; UN LAC; NUOVA VITA; WHITE EPILEPSY Ben … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | 1 commento

Cinema sperimentale – Storici

Per la suddetta, così come per le precedenti guide, vale anche in maggior misura l’idea di voler trattare non tanto un genere quanto piuttosto un approccio alla materia. Sotto il termine ‘sperimentale’ si intende infatti raggruppare il lavoro dei cineasti … Continua a leggere

Pubblicato in Uncategorized | Lascia un commento

T-Wo-Men

T-Wo-Men (1972) – Werner Nekes / Germania Ovest È inseguendo due donne, cogliendole nei momenti salienti del loro rapporto, che l’autore dà prova della propria perspicacia, insinuando la mdp tra le pieghe di una relazione, cogliendola via via secondo una … Continua a leggere

Pubblicato in Avant-garde | Contrassegnato , | Lascia un commento

Mandala

Mandala (1981) – Im Kwon-taek / Corea del Sud Due monaci buddisti in pellegrinaggio si incontrano casualmente. Due percorsi spirituali differenti, due personalità differenti, il primo ciecamente dedito ai precetti della dottrina, il secondo un girovago scomunicato la cui fede … Continua a leggere

Pubblicato in Art film, Slow Cinema | Contrassegnato , | Lascia un commento

Vision

Vision (2018) – Naomi Kawase / Giappone A Nara, si conoscono Jeanne (Juliette Binoche) e Tomo (l’ultimamente consolidato Masatoshi Nagase). Lei è alla ricerca di una pianta che dicono crescere ogni 997 anni e possedere la facoltà di curare ansia, dolore e … Continua a leggere

Pubblicato in Slow Cinema | Contrassegnato , | Lascia un commento

Twice a man

Twice a man (1964) – Gregory J. Markopoulos / USA Tratto dal mito greco di Fedra e Ippolito, il lavoro di Gregory Markopoulos racconta dell’infatuazione di una matrigna per il proprio figlio e della conseguente crisi di entrambi dopo il … Continua a leggere

Pubblicato in Avant-garde, New American Cinema Group | Contrassegnato , | Lascia un commento

Dark Horse

Dark Horse (2011) – Todd Solondz / USA Ci aveva preparati. Si era preparato, lo avevamo constatato già in film come ‘Storytelling’: ogni minimo dettaglio lasciava presagire a un qualcosa di epico, che riportasse la dimensione dell’americano medio in maniera ancor … Continua a leggere

Pubblicato in Postmodernism | Contrassegnato , | Lascia un commento

Take the 5:10 to Dreamland

Take the 5:10 to Dreamland (1976) – Bruce Conner / USA Piuttosto anomala come operazione, se considerata all’interno del percorso creativo e rinnovatore intrapreso dall’autore statunitense Bruce Conner, una pellicola che, attraverso la pratica del collage, organizza una sorta di … Continua a leggere

Pubblicato in Avant-garde | Contrassegnato , | Lascia un commento