Love Exposure

Ai no mukidashi (2008) – Sion Sono / Giappone

L’intreccio narrativo è piuttosto complicato: il racconto, nel corso delle sue quasi quattro ore, ruota attorno alle disavventure di un ragazzo (Yu), che, per soddisfare le richieste di redenzione religiosa rivoltegli dal padre, realizzerà una serie di fotografie scandalose entrando in un vortice di progressiva degenerazione dal quale non ne uscirà più. Nel corso di questo viaggio trasgressivo Yu si innamorerà di una ragazza, rivedendo in questa quasi un essere angelico, senza però essere corrisposto; molti altri saranno i personaggi incontrati e altrettante le esperienze vissute, ma alla fine del tutto, Yu riuscirà finalmente a stare assieme alla sua amata.

love-exposure1

Sensazionale il modo in cui ogni personaggio, ogni scena, ogni elemento del film, venga gestito in maniera brillante, studiato nel dettaglio. La riuscita del lavoro in questione è dovuta in gran parte all’abilità che Sono mette, qui più che mai, in pratica nel saper coinvolgere lo spettatore fin dal primo momento, tramite un crescendo di avvenimenti ed emozioni che si dimostra del tutto adeguato e perfetto per come inscenato.

SIn dalle prime inquadratureo ‘Love Exposure’ si dimostra un forte attacco alla religione, in particolare alla dottrina cattolica, ossia quella professata dal padre del protagonista; tutto partirà proprio dalla volontà di Yu di accontentare il padre nella sua continua ricerca del peccato, soddisfacendo così le esigenze assurde di questi. Ecco che tramite tale personaggio viene resa quella forma radicale di fanatismo religioso tanto malata e pregna di fondamentalismo da collocare la persona in uno status peccaminoso senza alcun perché, creando così una condizione inesistente ma allo stesso tempo dannosa e degenerante, che è poi quella nella quale viene trascinato Yu. Sono rappresenta l’estremismo religioso con brillantezza ed eleganza evitando appositamente di cadere in cliché e banalità varie, e realizzando perciò una critica forte e ottimamente ponderata; poiché se è vero che talvolta la religione possa aiutare a vivere meglio, altrettanto lo è il fatto che spesso tenda a divorare le personalità più deboli (come quella del padre di Yu), arrivando a distorcere la loro visione del mondo e di tutto ciò che vi appartiene, esseri umani e parenti compresi. Il protagonista altri non è se non la classica vittima di un organismo ipocrita e retrogrado sempre volto ad affibbiare colpe secondo concezioni astruse e prive di basi ragionevoli impersonate qui dal fanatismo del padre nei confronti di Yu che, a causa di ciò e della propria ingenuità, dalla condizione sana alla quale prima apparteneva, passerà ad una traviata e del tutto depravata che lo cambierà radicalmente: una critica queste, che, in definitiva può considerarsi pienamente riuscita e splendidamente concretizzata da personaggi e sequenze varie che non mancano di favolosi e azzeccatissimi simbolismi, come quello che vede quattro ragazzi portare su di sé un enorme croce bianca.

Un favoloso mix di ambiguità che, catapultate in una dimensione di eccezionale stravaganza, trovano armonia nel proprio contesto e tengono il ritmo del film sempre alto; ogni evento e ogni situazione, per quanto assurdi, non risulta mai fuori luogo, ma anzi calati nella propria natura in maniera congeniale, e questo è senza ombra di dubbio uno dei fattori principali che – come detto – fanno del seguente il lavoro più riuscito dell’autore.

love-exposure2

Voto: ★★★★/★★★★★

Questa voce è stata pubblicata in Cult film, Exploitation e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...