Cosmos

Kosmos (2010) – Reha Erdem / Turchia

Un film davvero singolare quello del turco Reha Erdem. Con questa storia al limite tra il normale e lo straordinario egli ridisegna il concetto stesso di vita rurale, attraverso le vicende di un uomo unico, speciale ma non sempre migliore. E nonostante tutto da simili visioni non può che rimanerne un certo fascino, per la bellezza artistica dell’opera ma anche per la semplice ma efficiente strutturazione che ne è alla base.

kosmos1

Un uomo di nome Kosmos vaga solitario per le pianure deserte della Turchia. Una giovane madre è disperata perchè il figlio sta affogando nel fiume, ma interviene l’uomo misterioso salvando il piccolo. La donna riconoscente si offre di trovargli alloggio nel paesino, ma il carattere libertino e furfante dell’uomo si guadagna le inimicizie del paese. Quando però la gente scopre gli straordinari poteri curatori dell’uomo si troverà a dover scegliere tra il bene del paese e la permanenza di un simile individuo. Alla fine Kosmos si allontanerà spontaneamente, rassegnato a non poter curare il mondo intero.

Tra tutte le pellicole turche sicuramente una delle più particolari e convincenti, assieme anche alla buona prova, sebbene decisamente differente, del connazionale Akin ne ‘La sposa turca’. Un film che riesce ad uscire dagli schemi realisti tipici medio-orientali per dimostrare una visione di mondo più ampia e al contempo complessa, dove i significati più profondi dell’essere vengono a galla attraverso uno studio viscerale ma attento, ancora incatenato ad una vena realistica ma anche disposto ad andare oltre, cercando le risposte non più nella semplice e banale quotidianità ma nell’animo umano. Una tecnica poi estremamente forte ed incisiva quella di Erdem, che riesce a penetrare lo spettatore per la straordinaria completezza dell’immagine, rendendo di fatto inutile ogni tipo di comunicazione verbale. Non per niente il protagonista comunica in maniera del tutto particolare, talvolta ululando talvolta dissertando affannatamente ed in maniera incomprensibile. La sua figura è centrale all’interno dell’opera in quanto in lui si concentra tutta l’attenzione ma anche tutti gli aspetti che l’autore vuole portare alla luce. Lui è il simbolo di un’ umanità che non comprende affatto le straordinarie doti affidatele, non è affatto cosciente dei suoi poteri ed il suo comportamento amorale lo porta ad offuscare le sue qualità, ritrovandosi così senza la possibilità di mettere a frutto quanto possiede, di aiutare il prossimo, ma anche di aiutare se stesso, perdendo ogni speranza di una vita sana e stabile. Un film perciò che dall’alto della sua grande vena riassuntiva punta ad un cinema che mostri con grande bellezza ma anche con rassegnazione la stoltezza dell’uomo di fronte a ciò che ha a disposizione, il potere che qui ha Kosmos e che simboleggia l’immane dote intellettuale che egli si porta con se inutilmente se non peggio.

Sotto il punto di vista tecnico sicuramente Erdem dimostra la sua innegabile capacità registica attraverso ritmi instabili, sequenze riflessive e un distaccamento che permette a chi osserva di giudicare con imparzialità la storia. Lo svolgimento generale è criptico e nonostante la palese possibilità di comprensione il significato generale delle sequenze viene reso volutamente arduo da cogliere. L’impressione generale di molte sequenze è quella di una specie di misticismo lirico che cerchi in ogni modo di attraversare la pellicola, come a voler rendere magico e sovrannaturale ogni attimo, ma d’altronde non tutto ciò che è presente risulta inserito con criterio. L’attenzione generale si sposta verso come l’ambiente, il clima e le persone si rapportano nei confronti del protagonista, e di come il mondo cambi e si atteggi a quest’ultimo.

kosmos2

Voto: ★★★/★★★★★

Questa voce è stata pubblicata in Slow Cinema e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...