Big Bang Love, Juvenile A

f5xputf

46-okunen no koi (2006) – Takashi Miike / Giappone

Tra i migliori lavori di uno dei cineasti contemporanei più originali e discussi del cinema orientale, “Big Bang Love, Juvenile A” è un film pregevole ed appassionante, non solo per l’eccelsa qualità tecnica ma ancor di più per l’autenticità dello stile che domina letteralmente l’opera, risultando quindi straordinaria proprio per l’equilibrio finale che ne emerge tra gli elementi che la compongono.

Il protagonista del film è Jun Ariyoshi, giovane che verrà arrestato ed imprigionato per avere ucciso un uomo in seguito alle molestie subite da quest’ultimo all’interno del bar gay nel quale lavorava. Una volta in carcere, egli conoscerà da subito la figura imponente di Shiro, per la quale nascerà una vera e propria ammirazione; il rapporto tra i due si svilupperà con la conoscenza reciproca, e l’ammirazione di Jun sfocerà in sentimenti ben più profondi. In seguito il racconto si tinge di giallo: viene ritrovato il corpo senza vita di Shiro e gli indizi fanno inizialmente pensare che Jun sia il colpevole; le indagini proseguiranno fino ad arrivare alla sconcertante verità.

Come accennato il vero punto di forza del film è proprio la sua realizzazione geniale; si nota fin da subito una cura particolare del lato tecnico, palesata da montaggio veloce e tagliente, proprio del cinema dell’autore, frequenti piani-sequenza suggestivi che danno spazio a diversi spunti di riflessione, ma ancor di più ciò che salta all’occhio è la scenografia, o meglio l’importanza peculiare che le viene conferita all’interno del film; infatti, se da un lato il carcere è rappresentato in maniera surreale e claustrofobica, con un’attenzione ai colori e un gioco di luci studiato quasi in maniera maniacale, e dunque pienamente riuscito, vi sono varie sequenze nelle quali il set è composto in maniera teatrale, con l’utilizzo esclusivo di pareti e pochi goffi elementi di scena. Ed è proprio su questo clima incantevole così creatosi che Miike si appoggia per girare sia le sequenze oniriche tra i due ragazzi, quelle più profonde ed emozionanti, sia quelle più crude e violente, immancabili nel cinema dell’autore, sebbene qui risultino decisamente meno frequenti del solito e comunque conferite di un’importanza rilevante, al contrario di altri film come “Ichi the killer”.

Inquadrando il film all’interno del cinema del regista pertanto si nota come questo risulti tra i suoi lavori più riusciti, profondo e coinvolgente come pochi altri; In Big Bang Love, Juvenile A infatti, la componente tipica del cinema di Miike, quella che mischia brutalmente azione e splatter, è presente solo in minima parte e non è caricata al punto tale da risultare preponderante. A questa, si sostituisce invece la connotazione poetica che ricopre gran parte dell’opera; il vero fulcro del film infatti è il rapporto che s’instaura tra Jun e Shiro: se il primo è debole e insicuro l’altro rappresenta la personalità opposta. La forza e il coraggio dei quali Shiro è l’emblema fanno di lui un punto di riferimento per Jun suscitandogli dapprima ammirazione ed attrazione fisica ed infine vero e proprio amore. Ed è questo il tema principale del film, ciò che rende l’opera del regista fortemente atipica, e quindi quanto meno interessante: l’amore sofferto ed impossibile tra i due ragazzi, un sentimento genuino che non risente dei pensieri altrui, e che quindi diviene sovrannaturale poiché trascende la realtà in cui vive; in questo senso si spiega la costruzione surreale del set come metafora di un sentimento senza limiti nè barriere: qui Miike si assicura un posto in prima fila tra gli autori più genialmente surreali e grotteschi, tra i quali sicuramente Tsukamoto (lampante è il collegamento con “A snake of June”), Lanthimos (“Dogtooth”), Lynch (“Mulholland Drive”) e tanti altri.

Se per Jodorowsky questo è il film che fa di Miike il regista più creativo del secolo, di certo si può dire che qui il regista dia una svolta drastica alla propria filmografia, uscendo dal suo genere, e confezionando un’opera di straordinario valore artistico, impeccabile a livello tecnico, originale nello stile e ancora di più nel genere che oscilla tra grottesco e giallo, sebbene pur sempre basato su toni fortemente drammatici: un’opera eccezionale di un regista interessante e singolare.

Voto: ★★★★/★★★★★

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Postmodernism e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Una risposta a Big Bang Love, Juvenile A

  1. coinvolgente ed artistico, concordo su tutto, avrei abbondato giusto un pò di più col voto….la farfalla mia ha colpito, e non poco

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...