La strada della vergogna

Akasen chitai (1956) – Kenji Mizoguchi / Giappone

L’ultimo film di Mizoguchi risulta essere una visione indelebile, affascinante e quantomai profonda, il suo ritratto più cupo e provocatorio. Un testamento veemente e indelebile che rivela, attraverso la forza dell’immagine, tutta la volontà provocatoria di un autore sempre impegnato e sempre socialmente graffiante. La storia è quella di cinque donne di una casa di tolleranza che, ciascuna coi suoi problemi e la sua fatica a tirare avanti, cadono nel panico quando vengono a conoscenza del dibattito in Parlamento per l’approvazione della legge sulla chiusura delle case chiuse.

street of shame1

Il film si getta veemente in difesa della condizione della donna nella società giapponese ma, a differenza del suo precedente ‘Vita di O-Haru, donna galante’, dove si può riscontrare una critica simile, qui lo sguardo dell’autore nipponico è più duro, riuscendo quasi provocatorio. I gestori della casa di tolleranza sono ritratti come dei bambocci senza ideali e la maggior parte del film è focalizzato nel tentativo di far prendere coscienza allo spettatore attraverso le commoventi vicende delle donne in questione. Si ricorda per esempio di Hanae, con un figlio appena nato e un marito disoccupato. Il fulcro dei loro problemi è  il denaro. Mizoguchi difatti gioca proprio su questo, e cioè che il denaro, che tanto sporcamente sono costrette a guadagnarsi, sia l’unico amico che hanno per liberarsi dalle proprie condizioni. Nel finale infatti sarà proprio l’unica delle cinque che più avrà guardato in faccia la realtà, sfruttando a suo favore avidità e calcolo, ad uscire definitivamente dalla casa.

Un film questo che, come gli altri del maestro, conferma la sua grandissima vena narrativa, capace di miracoli, come trasportare su pellicola una storia semplice e comune rendendola straordinaria grazie ad un uso estremamente sapiente di ogni aspetto tecnico. Il suo grande interesse umanistico ed esistenziale viene trasportato completamente nei suoi film e ogni singola scena riesce a commuovere dal profondo per l’essenzialità di ogni singola parola o dialogo, per l’interesse antropologico e sociale ma soprattutto per la natura di fatto universale delle sue parabole di vita, ognuna unica e indelebile. Le singole storie nel film in questione si intersecano e dibattono nelle difficoltà del quotidiano commuovendo fin dal primo secondo e catapultando letteralmente lo spettatore nei loro panni, e la sequenza finale è davvero essenziale a questo senso.

L’autore rifiuta per l’ennesima volta ogni ricamo artistico ed estetismo lasciando libero sfogo alla vicenda umana e mettendola in primo piano, così da far risaltare maggiormente il dramma in atto. La sequenza finale infatti risulta molto efficace a questo senso; lo sguardo malinconico col quale una delle donne osserva l’amica allontanarsi racchiude l’essenza di un intero film. Del resto Mizoguchi lo abbiamo visto capace di film ben più crudi e drammatici, ricordando le tragiche sevizie inferte dallo spietato intendente Sansho nel film omonimo, oppure il tremendo finale dei due innamorati pronti a morire ne ‘Gli amanti crocifissi’. Anche qui si nota tutto il coraggio di uno splendido regista, pronto a criticare e provocare nonché paragonato per le sue grandi dote artistiche al maestro Kurosawa.

street of shame2

Voto: ★★★/★★★★★

Questa voce è stata pubblicata in Art film e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...